Contenuto principale

Messaggio di avviso

Questo sito utilizza i cookie per gestire autenticazione, navigazione ed altre funzioni. Continuando ad usare questo sito, tu concordi che questi tipi di cookie siano salvati sul tuo dispositivo.

Vedi l'Informativa sulla Privacy

Vedi e-Privacy Directive Documents (Direttiva Europea)

Hai rinunciato ai cookie; in questo modo alcune funzionalità del sito potrebbero risultare compromesse (ad es. sarà impossibile effettuare il Login). Questa decisione può essere ribaltata.

Hai accordato il permesso ché i cookie siano salvati sul tuo computer. Questa decisione può essere ribaltata.

Indice

Note

Si omettono i Capi IV e V contenenti norme particolari per le professioni di avvocato e procuratore e disposizioni transitorie.

  1. L'art. 2 del D.Lgs. C.P.S. 21 giugno 1946, n. 6 ha modificato la denominazione delle Commissioni Centrali in Consigli Nazionali ed ha stabilito che gli uffici di segreteria di questi sono diretti da un magistrato di grado IV o inferiore, coadiuvato da cancellieri in un numero non superiore a quattro. Per facilitare la lettura, nel testo di seguito riportato alla dicitura Commissione Centrale è stata sostituita quella di Consiglio Nazionale.
  2. Sugli Ordini e sui Consigli degli ingegneri e architetti, vedi art. 26 e succ. R.D. 23 ottobre 1925, n. 2537.
  3. Contiene disposizioni delle casse professionali non regolate da precedenti disposizioni legislative.
  4. Tali tasse e contributi sono riscossi, come stabilisce la Legge 10 giugno 1978, n. 292 ai sensi dell'art. T.U. imposte dirette D.P.R. 15 maggio 1963, n. 858. Per le sanzioni disciplinari in caso di mancato versamento dei contributi, vedi art. 50 R.D. 23 ottobre 1925, n. 2537, nonché l'art. 2 della Legge 3 agosto 1949, n. 536.
  5. Ora, Consiglio Nazionale.